Indietro
1920x580

Albero e palline di Natale

Quando abbiamo iniziato a usarli?

La storia del Natale ha molto a che fare con la lotta dell’uomo contro le insidie dell’inverno. E i sempreverdi sono sempre stati usati perché simboleggiavano la vittoria della natura contro freddo e buio.

Già i popoli precristiani del nord appendevano corone di sempreverdi e agrifoglio alle porte delle loro case. Ai tempi dell’antica Roma si usava soprattutto l’abete bianco, simbolo di vita eterna e vicinanza a Dio. Nel Medioevo cristiano si iniziò, in occasione del Natale, a esporre nel sagrato delle chiese, o all’interno delle chiese stesse, o ancora nella piazza del villaggio, alberi interi. Questi venivano decorati con frutta, pigne dorate, noci e soprattutto mele rosse, per contrasto cromatico. Inoltre la mela, simbolo del peccato di Eva nel paradiso terrestre, rappresentava bene la lotta fra bene e male legata alla liturgia natalizia e alla nascita da colui che liberò l’umanità nella tradizione cristiana.

Ma sarà in Francia, e in particolare sui Vosgi del Nord, nella Lorena francese, che nasceranno i primi ornamenti di vetro. Ecco cosa narra la storia: l’inverno del 1858 in Francia era particolarmente rigido e il raccolto delle mele rosse non era stato buono. C’erano poche mele, nemmeno sufficienti per il sostentamento delle persone. E fu lì che un artigiano del villaggio di Goetzenbruck, esperto nella lavorazione di vetri per orologi, ebbe l’idea di usare le stesse forme tonde soffiate per ottenere addobbi destinati all’albero. Da allora, le palle natalizie in vetro sono entrate nella nostra vita!

Kasanova le ripropone in vetro, con scritte come Amore o Principessa, con la forma di Babbo Natale, con effetti surreali e molto artistici!

kasanova

Eventi

Un bracciale acchiappasogni

O una collana che mette un arcobaleno al mondo?