Indietro

Correre? È come meditare!

Parola di Allison Mariella Désir

Lei è fra le venti donne più ispirate dalla corsa dell’intero pianeta. Si chiama Allison Mariella Désir e la sua passione per la corsa va ben oltre la fase atletica, diventando un percorso di mindfulness. In effetti, sono in molti a dire che correre abbia un potere terapeutico. Pare che renda più sani e felici.

La corsa, infatti, non solo rende i muscoli più forti e il cuore più in salute, ma aiuta anche a sviluppare un cervello più sano. Perché il controllo del respiro e dei pensieri raggiunge livelli simili a quelli di una meditazione a tutti gli effetti! La meditazione porta a concentrarsi sul respiro, sulla sensazione che si prova quando l’aria riempie i polmoni e fuoriesce dalle narici. Quando sorgono dei pensieri non bisogna ignorarli ma averne consapevolezza e rilasciarli insieme al respiro tornando a concentrarsi su di esso. Si sviluppa la capacità di dirigere i pensieri e di mettere a fuoco qualcosa di prestabilito. La meditazione si connatura nella corsa perché è capacità di dirigere i pensieri e mettere a fuoco qualcosa di prestabilito. Molti atleti si concentrano sul respiro lasciando andare i pensieri. Si lavora sul muscolo mentale aumentando il tempo della meditazione durante la corsa. Quindi, il legame fra corsa e mindfulness è molto forte! “Se e quando mi sento particolarmente agitata e ansiosa, il ritmo cadenzato della corsa mi permette di focalizzarmi su me stessa e trovare la pace. È come meditare in movimento” dice  Alison Mariella Désir.

E allora proviamoci! Ai piedi, scarpe da running che ci consentano di performare bene. Ve ne suggeriamo tre che trovate da Decathlon.

deca