Indietro

Stanze allegre con Lego Dots

Giocare e affinare la creatività, si può!

Si chiamano Lego Dots e sono fatti da una serie di mini piastrine, dette tiles (come le piastrelle), in 2 D, coloratissime e dalle forme diverse. Con le piastrine di Lego Dots si creano braccialetti, portamatite, portafoto: rappresentano la capacità di Lego di adattarsi al mondo che cambia. Non ci sono solo piastrelline, ma emoticons, note musicali, pianeti, arcobaleni, stelline, impronte di animali e molte altre.

Il mondo di Lego Dots è molto fantasioso: i cinque braccialetti personalizzabili possono creare un arcobaleno, un unicorno scintillante, animaletti funky, paesaggi lunari e Love birds. Poi, ci sono un portafoto cuccioli, un portagioielli arcobaleno, un portapenne ananas e una bustina con accessori aggiuntivi.

Lego Dots sta diventando un vero fenomeno di costume, al punto che a Londra è nata la House of Dots in collaborazione con l’artista Camille Walala: una casa vera e propria in cui i visitatori possono attraversare cinque stanze, distribuite in otto container, costituite da pareti, pavimenti, tappeti, cornici e mobili, il tutto personalizzato con le tiles di Lego Dots. In Italia invece, Riccardo Zangelmi, il primo e unico Lego Certified Professional Italiano, ha realizzato per la Milano Fashion Week un’opera straordinaria: una mano in Lego che indossa come accessori due braccialetti Dots (è rimasta in esposizione fino al 24 febbraio 2020, in piazza San Babila). 

lego

Eventi

Ispirazione National Geographic

Le sneakers e il famoso bordo giallo…